Cos’è davvero la cellulite?

La cellulite è un processo cronico degenerativo che colpisce il pannicolo adiposo sottocutaneo.

Si manifesta esteticamente con una alterazione della superficie cutanea.

Sono stati evidenziati gli aspetti fisiopatologici di questo processo, come:

  • difetti del micro-circolo
  • ipossia
  • edema
  • alterazione dell’adipocita
  • alterazione dei setti connettivali

Questi elementi portano alla perdita della normale organizzazione tissutale, con gli aspetti clinici noti dei diversi stadi evolutivi.

Pertanto può essere definita come una vera e propria patologia che affligge un gran numero di donne non solo da un punto di vista estetico ma anche funzionale.

Tale patologia, erroneamente chiamata “cellulite” è più correttamente definita Panniculopatia Edemo Fibrosclerotica (PEFS) e colpisce l’85- 90% delle donne .

Quali sono le cause della cellulite

Le cause, di origine multifattoriale, all’ inizio risiedono in un danno del microcircolo veno-linfatico, al quale si possono associare concause come:

  • disordini alimentari
  • vizi posturali
  • patologie vascolari
  • patologie endocrine
  • fumo
  • scarsa quantità di liquidi assunti durante la giornata
  • indumenti troppo stretti
  • calzature con tacco alto ecc.

Il mal funzionamento del sistema veno-linfatico conduce ad un difficoltoso funzionamento del drenaggio del tessuto sottocutaneo e quindi ad una stasi che determina ritenzione idrica e tossinica a livello del derma e del sottocute.

L’insufficiente drenaggio determina progressivamente una sofferenza delle cellule del derma e delle cellule adipose del sottocute con formazione di tralci fibrosi che andranno ad imprigionare gli adipociti, che tenderanno a confluire in noduli, palpabili al tatto, con introflessioni e protuberanze.

Queste determineranno la formazione dell’antiestetico fenomeno della cute  a “buccia d’arancia” o a “materasso”.

Come prevenire la cellulite

Nella prevenzione dellacellulite’ o  PEFS è quindi molto importante l’acquisizione di abitudini corrette e di periodici trattamenti volti al drenaggio tissutale.

Importante quindi adottare uno stile di vita salutare, con abitudini alimentari corrette, svolgere attività fisica, assumere adeguate quantità di liquidi nella giornata.

La medicina estetica, dal canto suo, consente attraverso trattamenti di vario tipo, di risolvere o migliorare alcuni dei problemi estetico dovuti alla cellulite.

cause_cellulite

Il tutto attraverso un corretto programma dietetico e trattamenti topici come:

  • Mesoterapia
  • Flowave: un  sistema che determina una stimolazione della matrice extracellulare che attiva numerose funzioni del microcircolo , del metabolismo e dell’ossigenazione dei tessuti.
  • Carbossiterapia:  si tratta di un dispositivo medico che eroga anidride carbonica medicale allo stato gassoso mediante un ago sterile monouso.Tale terapia permette  un miglioramento delle problematiche di stasi veno linfatica e un potenziamento della circolazione e ossigenazione dei tessuti.
  • Linfodrenaggio manuale
  • Linfogrenaggio meccanico (pressoterapia)

Esaminiamo nello specifico il trattamento mesoterapico.

Cos’è la Mesoterapia 

rimedi_cellulite 

La mesoterapia è un trattamento che prevede l’introduzione, da parte del Medico, di piccole quantità si sostanze nello spessore del derma cutaneo, quindi l’esecuzione di micro-iniezioni intradermiche loco-regionali effettuate allo scopo di concentrare il farmaco solo dove necessita, in modo da renderlo  meno invasivo e di prolungare l’effetto nel tempo.

Le sostanze ad azione farmacologica da iniettare vengono scelte dal medico a seconda del tipo di problematica da trattare. (farmaci tradizionali, rimedi omeopatici, vitamine ecc.)

Praticando piccole infiltrazioni attraverso la cute, minime quantità di sostanze attive vengono distribuite nel derma, in modo da costituire dei micro-depositi che vengono rilasciati gradualmente per qualche giorno, ottenendo così l’effetto terapeutico desiderato.

Trattare la cellulite mediante mesoterapia

La mesoterapia consiste, come abbiamo detto, nella somministrazione intradermica di piccole quantità di farmaci.

Tali somministrazioni vengono effettuate con un ago di 0,3 mm di diametro e lungo 4 o 13 mm.

Si ottiene così un piccolo ponfo allo scopo di concentrare il farmaco solo dove necessita, in modo tale da renderlo meno invasivo e di prolungarne l’effetto nel tempo.

I risultati inizieranno a rendersi evidenti dopo un primo ciclo di circa 7-10 sedute, ciascuna settimanale.

Successivamente saranno sufficienti 1-2 sedute mensili allo scopo di mantenere i risultati raggiunti.

I farmaci che saranno utilizzati, in questo studio per il  trattamento, sono di natura omotossicologica e ciascuno di essi avrà azione specifica diretta allo scopo di:

  • ridurre la ritenzione idrica
  • migliorare il circolo linfo-vascolare
  • stimolare la lipolisi del tessuto grasso ed il trofismo dei tessuti

Le sedi di iniezioni sono individuate in punti specifici della coscia e della gamba in modo da permettere la distribuzione dei farmaci nelle ore e nei giorni successivi solo dove necessita.

La natura omeopatica dei prodotti consentirà di evitare reazioni indesiderate generalizzate e di essere utilizzati anche in gravidanza.

La genesi della cellulite è legata, oltre che ad una predisposizione individuale, anche a stili di vita o abitudini talvolta errate.

Quindi, al fine di ottimizzare e mantenere i risultati nel tempo, sarà comunque molto importante seguire tutti i consigli utili che il medico di volta in volta propone.

Gli effetti locali dovuti alla procedura possono essere una sensazione di fastidio dovuta all’introduzione del farmaco nello spessore del derma.

Tale sensazione tende ad attenuarsi sino a scomparire dopo alcuni minuti.

I ponfi che si creano hanno l’aspetto di una puntura di zanzara (ponfo rilevato circondato da un alone rosa): generalmente non si accompagnano a prurito e tendono a scomparire dopo qualche ora.

Sarà certamente cura del medico evitare la formazione di ematomi, ma considerato il tipo di procedura, è sempre possibile che in alcuni punti si formi qualche piccolo ematoma. Questi tenderà a riassorbirsi dopo circa una decina di giorni.

Ci sono alcune precauzioni da seguire per la durata del trattamento, che consistono nell’evitare qualsiasi massaggio dei punti di somministrazione per almeno tre giorni. Inoltre è raccomandata l’applicazione di creme per le 12 ore successive alla mesoterapia, per evitare di accelerare l’assorbimento dei farmaci.

É consigliabile, se si vuole effettuare il linfodrenaggio, eseguirlo il giorno prima o immediatamente prima della mesoterapia. Nelle 24 ore successive alla mesoterapia sarà molto importante evitare shock termici sulla parte trattata quali sauna o bagno turco.


Scopri tutti i consigli di CGF Cesano nel nostro Magazine dedicato alla Salute.

CGF Cesano mette a disposizione questi Servizi per il benessere dei suoi pazienti. Cosa aspetti a scoprirli?

#CGFCesano #CGF #cellulite #salute

 

Ricerca e redazione a cura dell’ufficio stampa Giroidea.it – MI

Leave a Comment